Home page
Presentazione
L'azienda
Recapiti
AttivitÓ
Foto
Link
Copyright
 
     
   

Paolo Carniello

Paolo Carniello, vive a Montegrotto Terme (PD), oltre che scrittore, (famoso il suo romanzo "QUETZAL Il Serpente Piumato") Ŕ un grande appassionato di culture Orientali, progetta giardini Giapponesi, colleziona  bonsai. 
Dalla sua raccolta di poesie: ECHI dall'ANIMA, per sua concessione, pubblichiamo queste in lingua Veneta.

  Fora dea CarezÓ  -    Davanti 'na Croze
 Aria de Primavera    -    Che Beo

 

   Fora dea CarezÓ

Me metevo e sgalmare rivoltae de me nono
pi¨ moegate parchÚ ciapae dentro el pisso de vaca.
Urtavo el porton dea staea tirÓ su col fil de fero,
e via de corsa coe soe che me tocava el cueo.
Via, via, el pi¨ distante possibile,
in fondo, in fondo al carez˛n
fin che me s-ciopava el core.
Maedete e ortighe,
e me fazea saltare come un cavareto slatÓ
in mezzo ae ruare.
El cieo jera infogonÓ
e el soe, picÓ su suea forcea dei monti,
me riportava al disnare,
pien de tavanee e de beconi de sansae.
Quando, s-ciapi de stornei speciÓ,
se muciava su, sue rame piegae del figaro,
el primo ciamo dea soeta
me tirava fin soto el porton,
suÓ, straco e za omo.

 

  Davanti 'na Croze

Soto ea ombrýa grizi cipressi incancarii,
par metÓ imbragai de tressa giustissiera,
i me ga menÓ, piegai, fin al canceo.
Pian pianeo, caminando drio ea mura descrostÓ
birasangoe, sgiaonsei i se imbuzava spaentÓ,
ma soeo par finta
e curiosi i sbuzava fora poco pi' vanti.
Muceti de terra quŔrti da erbassi e pissacani in fiore
chi co un bacheto piantÓ su,
chi co 'na croze butÓ eÓ e mastegÓ dai bai.
Fermo, drito, impiocÓ, mastego paroe sante
e ciÓcoeo co chi gnanca conosso,
ma cossa importa,
tanto, soto do metri de colsara
i omeni xe tuti uguai.

 

  Aria de Primavera

Ciucio gaeti che me beca ea lengua.
Da insima l'arzare vardo zo el bisson de aqua,
che se scaensa in mezzo ai campi
de oieto e spagna.
Formenti, a onde, el xe un mare in burasca,
aria sgionfa de primavera,
sentore che copa e snarise,
de campi apena arai e sparpanai
de loame stajonÓ.
In fondo, soe rive alte,
streje de albare che sluzega,
so ciapÓ da 'sto odor che no me moea.
Tempo de lussi in frega
e de pessegati piantai sul c˛ro.
Tiree de vigne brombe de solfato e scalcagnae.
Me segna ea strada l'odore  de tera crua
e de boassa pestÓ e strassinÓ.

 

     Che Beo

      Che beo 
saria camminare, sbrombo soto ea piova,
sensa curarse de altro;
cuciarse su 'na soca e spetare
el giorno che nasse e el giorno che more;
non saver nÚ lezare nÚ scrivare
e farse guidare dai veci e dal tempo.

      Che beo
vardare ea zente che se sgrafa
e se spenze in mezo ai afani
e far finta de gnente;
scoltare el sioeo dei ozei, i sighi dei boce
e e storie passie dei noni;
vardare foje che casca da stropari che dorme,
l'aqua intorcoeÓ soto el ponte, neve che cuerze,
fogo che bruza stoppie e fassine de Vecia,
bronze vive soto el camin;
imbriagarse de aria sgionfa de un matin de primavera.

      Che beo
ricordare e anime sperse,
stegoeÓre fazoi soto el barco
ciÓcoeando de tuto e de gnente,
scoltare tochi de batoci,
cantare veci stornei a 'na luna imbriaga,
inamorarse, farse s-ciopare el core nel pŔto
e perdarse nei to oci;
caminare su l'arzare e rancurare fiori e pissacani
e fioi soto i cavoi;
ciapare a scarpÓ paure e vargogne,
dire tuto queo che se voe
e che te rumega int'el stomego
a parenti e a amissi;
moeare tuto e sparire come 'na scoreza nel vento.

      Che beo
avere l'animo dei vent'ani
anca se e piaghe e i ossi ne gÓ sento;
snanararse in mezo ae tete dea mama,
desmentegarse de respirare e spetare...
tanto el mondo gira eo stesso, da sempre;
imbamboearse davanti al soe che se smorsa sul mare;
afrontare de peto 'sta vita grama,
onta e dissipÓ.

      Che bruto
vardare in facia un omo che pianze,
voltarse e far finta de gnente...

 

___________________________
____________________

Le foto di alcuni giardini Giapponesi
realizzati da Paolo Carniello

A breve avremo altre foto ed una sua presentazione

 

   
    Torna all'inizio - Torna alla prima pagina    
   

giacomo@bonsaiveneto.it